Avellino | Italy
info@pranabiorisonanza.it

Il messaggio universale del Signore Sri Krishna

Created with Sketch.

Sri Krishna, Dio La Persona Suprema

Apparizione del Signore Sri Krishna | 19 agosto 2022

Che ci sia UN solo mantra: Il nome di Sri Krishna

Quando il Signore appare, lo fa usando la Sua potenza interiore. Non cade sotto il controllo delle leggi materiali e della potenza materiale. Egli è sempre assistito dalla Sua stessa atma-maya o Potenza Interna che è distinta dall’energia che opera in questo mondo. Quando il Signore apparve davanti a Suo padre e sua madre nella prigione di Kamsa, ciò che Suo padre vide fu descritto nell’eterno Srimad-Bhagavatam:

Tam adbhutaṁbālakamambujekṣaṇaṁ
catur-bhujaṁśaṅkha-gadādy
udāyudham -saubhagam
mahārha-vaidūrya-kiripariṭa-kuta-
kutatv sahasra-kuntala
muddāma-kāñcy-aṅgada-kaṅkaṇādibhir
virocamānaṁvasudevaaikṣata

(ŚB 10.3.9-10)Dio, la Persona Suprema, Sri Krishna, appare in questo mondo solo una volta al giorno dal Signore Brahma. In un giorno del Signore Brahma, ci sono 1000 Maha Yuga (un ciclo di Satya, Treta, Dwapara e Kali Yuga) e Krishna appare in uno dei Dwapara Yuga. Siamo fortunati ad essere in quel ciclo Maha-Yuga in cui Krishna apparve solo 5000 anni fa e attualmente siamo nell’immediato Kali Yuga.

Traduzione: Vasudeva vide allora il neonato, che aveva dei meravigliosi occhi simili a loto e che portava nelle Sue quattro mani le quattro armi śaṅkha, cakra, gadā e padma. Sul Suo petto c’era il marchio di Srivatsa e sul Suo collo la brillante gemma Kaustubha. Vestito di giallo, il suo corpo nerastro come una nuvola densa, i suoi capelli sparsi completamente cresciuti e il suo elmo e orecchini scintillanti insolitamente con la preziosa gemma Vaidūrya, il bambino, decorato con una cintura brillante, bracciali, braccialetti e altri ornamenti, appariva molto meraviglioso . 

Sri Krishna

Qual è la conoscenza e l’obiettivo finale della vita?

Srila Prabhupada, la fondatrice del movimento mondiale Hare Krishna, spiega:
Il Vedānta-sūtra si compone di quattro capitoli. I primi due capitoli trattano la relazione dell’essere vivente con Dio, la Persona Suprema, conosciuta come sambandha-jñāna, o conoscenza della relazione e il terzo capitolo descrive come si può agire nella sua relazione con Dio, la Persona Suprema, ed è chiamato abhidheya-jñāna. La relazione dell’essere vivente con il Signore Supremo è descritta da Sri Caitanya Mahāprabhu: jīvera ‘svarūpa’ hayakṛṣṇera ‘nitya-dāsa’. Pertanto, per agire in tale relazione bisogna compiere sādhana-bhakti, o i doveri prescritti di servizio a Dio, la Persona Suprema. Questo è chiamato abhidheya-jnana. Il quarto capitolo descrive il risultato di tale servizio devozionale (prayojana-jñāna). Questo scopo ultimo della vita è tornare a casa, a Dio.

Krishna parlò la Bhagavad-Gita e alla fine dichiara il Suo messaggio finale (BG 18.66):
sarva-dharmānparityajya
māmekaṁśaraṇaṁvraja
ahaṁtvāṁsarva-pāpebhyo
mokṣayiṣyāmimāśucaḥ
Traduzione: “Abbandona tutte le varietà di religione e arrenditi a Me. Ti libererò da tutte le reazioni peccaminose. Non temere.”

Per raggiungere l’obiettivo finale della vita, uno dovrebbe arrendersi a Krishna e renderGli un amorevole servizio devozionale. Chi perfeziona la Sua devozione a Krishna può tornare alla nostra casa eterna, la dimora di Dio o Krishna.Srila Prabhupada, il Parampara Acharya nella linea di Krishna, cita che si dovrebbe cantare i Santi Nomi di Dio incessantemente per raggiungere la perfezione della vita. Uno dovrebbe cantare i santi nomi di Dio come rivelato nelle tue scritture ed evitare il peccato.
Si dovrebbe cantare:
Hare Krishna Hare Krishna KrishnaKrishna Hare Hare
Hare Rama Hare Rama RamaRama Hare Hare

A cura di bhakta pietro

error: Content is protected !!